Il Governo “pare” che abbia scelto ancora Barabba, anziché Gino Strada per l’incarico di Commissario per la sanità in Calabria

per Gian Franco Ferraris
Autore originale del testo: Anna Falcone
Pare che Gino Strada avesse seriamente preso in considerazione la possibilità di assumere l’incarico di Commissario per la sanità in Calabria. Cosa che era stata sollecitata trasversalmente da tante e tanti calabresi liberi, prima che da singole forze politiche che oggi si intestano il merito. Pare che non ci sia stato neppure il tempo di prenderLo in considerazione, neppure il tempo di ricevere un gentile diniego, perché era già pronta la nomina di Zuccatelli, già noto per altri incarichi nella sanità calabrese, per cui non aveva brillato. Pare che tali incarichi siano stati favoriti dalla sua stretta fede bersaniana. Purtroppo – in un momento così cruciale, in cui non solo la Calabria è zona rossa e tutta la Regione è sull’orlo di un baratro – il neo Commissario è in isolamento perché positivo al COVID e potrà esercitare se Sue funzioni solo da casa e limitatamente alle Sue condizioni. Pare.
Ma più di ogni cosa, non pare, ma è certo che, se tutto ciò risponde a verità, la verità grida vendetta! Siete ancora in tempo: lasciate Zuccatelli alla sua convalescenza E ANDATE A PRENDERE GINO STRADA, CHIEDENDOGLI UMILMENTE SCUSA PER LA “SVISTA IMPERDONABILE” IN CUI – PER L’ENNESIMA VOLTA – IL GOVERNO CENTRALE E’ CADUTO AI DANNI DEI CALABRESI. E SPERATE CHE ACCETTI E NON VI SPUTI IN FACCIA! NON NE POSSIAMO PIU’.
Anna Falcone
Babelezon bookstore leggi che ti passa

Articoli correlati

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.