Luce

1
182

LUCE

Lascio filtrare appena,

dalla finestra schiusa

la luce morbida

su cui galleggia tremulo

in lontananza il mare.

Un muro soffocato dagli ulivi

ed un cipresso, un coltello nero,

lanciato minaccioso verso il cielo,

chiudono a nord

 lo sguardo alle montagne.

Entro nello spessore fisico

di questa luce intensa e trasparente:

un lago di lavanda

gli aghi del rosmarino

le braccia spaventate del siconio.

 

L’ultima pennellata è per un uomo

in fondo a un campo scuro

ignaro e rassegnato

pota in silenzio i rami secchi

ed io i miei pensieri.

Angelica Lubrano

Articolo precedenteScherzo
Articolo successivoSi, siamo stati bambini anche noi
Angelica LUBRANO, insegnante di lettere, vive a Quiliano (Sv). Nel 2011 vince il 1° premio Laurentum per la poesia, nel 2012 è I^ classificata e nel 2013 III^ classificata al premio Internazionale di poesia Ischia . Selezionata e pubblicata dal Comune di Bellinzago in un antologia e nel Calendario 2013 (febbraio) a tema ACQUA Immagini e parole. Ha pubblicato racconti (La realtà delle donne) e poesie ( ed. Arena e nella collana Nuovi Poeti di Pagine). Ha un’intensa attività su FB con oltre 5 mila contatti, un blog e un sito www.lubranoangelica.it