Massimo d’Alema: Il lavoro resta al centro della vita dell’Uomo

0
1453

di Umberto Uccella

MASSIMO D’ALEMA SU LAVORO, DIRITTI SOCIALI ED EX ILVA

“La destra non rappresenta il lavoro. Questo compito è proprio della sinistra. Non e’ che i diritti civili non siano anch’essi importanti”, ma “bisogna tornare a considerare centrali i diritti sociali, in particolare il tema della rappresentanza del lavoro, perche’ questo e’ il ‘core business’ della sinistra, dare rappresentanza politica al lavoro”. Lo ha affermato Massimo D’Alema rispondendo ai cronisti a Firenze a proposito delle recenti dichiarazioni di Romano Prodi sul tema. “Oggi il lavoro non ha piu’ una rappresentanza politica efficace – ha detto D’Alema, a margine della festa della Fisac-Cgil Toscana – anche perche’ la destra prende voti nel popolo ma non perche’ rappresenta il lavoro: rappresenta la paura, perche’ la paura esiste, la paura e’ diventato un soggetto politico e si trasforma in rancore sociale. Tutto questo e’ sicuramente rappresentabile, puo’ portare voti, pero’ naturalmente una politica che si fonda sul rancore e sulla paura e’ una politica che non puo’ che avere esiti disastrosi, e noi dobbiamo cercare di evitare i disastri”

“La parte della societa’ – ha proseguito l’ex premier – che vede nella globalizzazione, nell’integrazione un’opportunita’ guarda a sinistra, a una visione della societa’ piu’ evoluta. La sinistra risponde di piu’ a quei bisogni di protezione dell’ambiente naturale, di sviluppo culturale che sono propri di quella parte della popolazione che e’ meno oppressa dal bisogno quotidiano”. Secondo D’Alema dunque la questione e’ “costruire una nuova rete di protezione sociale: questa e’ la grande sfida, perche’ nel periodo d’oro del dopoguerra la sinistra e’ diventata forte perche’ attraverso il welfare state ha tenuto insieme lo sviluppo economico, la crescita, l’innovazione ma anche la protezione sociale dei ceti piu’ deboli”. Per l’ex premier, “c’e’ una quota del mondo del lavoro, una parte piu’ ‘elevata’, piu’ professionalizzata, che guarda alle grandi trasformazioni che stiamo vivendo come un’opportunita’: e questo mondo la sinistra lo rappresenta. E’ abbastanza impressionante il tipo di frattura che si e’ determinato, perche’ nelle aree urbane maggiori, dove piu’ intensa e’ la modernizzazione, le opportunita’, li’ il centrosinistra e’ maggioritario. Poi – ha concluso – c’e’ un’altra parte del mondo del lavoro grande, meno qualificata, che guarda i cambiamenti con paura, e questo mondo noi non lo rappresentiamo piu'”.

“Il problema dell’ex ILVA viene abbastanza da lontano, perche’ con ogni probabilita’ e’ proprio il progetto industriale di ArcelorMittal che non garantiva questa sintesi” fra esigenze ambientali e dello sviluppo: lo ha affermato Massimo D’Alema, ex presidente del Consiglio, a proposito della vicenda dell’ex-Ilva di Taranto. “E’ evidente – ha detto – che l’economia circolare, l’economia sostenibile, e’ anche una grande occasione di investimenti, di creazione di lavoro, pero’ in singole situazioni questo conflitto puo’ determinarsi. Il compito di chi governa e’ trovare una sintesi, ed e’ evidente che questa preoccupazione adesso ricade un po’ sulle spalle dell’attuale governo”.