Al bordo dell’acqua

0
166
Autore originale del testo: Fauré

Sedersi in due sulla sponda di un ruscello che scorre,

lasciarlo scorrere,

in due, quando la nube nello spazio corre,

vederla correre;

all’orizzonte, quando un tetto di canne funa,

vederlo fumare;

se nei pressi un fiore profuma,

inebriarsi del profumo;

sentire ai piedi del salice dove l’acqua mormora

mormorare l’acqua;

non percepire finchè continua questo sogno,

il tempo continuare;

ma abbandonarsi alla passione profonda

adorarsi a vicenda,

senza pensare alle furie del mondo,

ignoeandole;

e soli in due, davanti a tutto quello che stanca,

senza stancarsi,

sentire l’amore, davanti a tutto quello che passa,

senza lasciarlo passare!