Società

Pubblicato il 13 maggio 2017 | di Lo spuntino

0

Cara Debora, se ti sentisse la Serracchiani

Lo Spuntino, 12 maggio 2017

Quindi, secondo la presidente del Friuli Venezia-Giulia, la renzianissima Debora Serracchiani, la violenza sessuale è inaccettabile, ma se la commette un immigrato è “ancora più inaccettabile”. Difficile trovare una sciocchezza più grande, fra quelle pronunciate dalla Serracchiani negli ultimi tempi. Difficile trovare un concetto più ripugnante e al contempo pericoloso, persino andando a scavare nel vasto repertorio di esperti provocatori professionisti, come ad esempio Matteo Salvini, o Nigel Farage, o Viktor Orban.

Si direbbe che ormai l’ansia di inseguire i voti di destra dicendo cose ancora più di destra sia andata fuori controllo. Sembrerebbe che la frenesia di scavalcare i populisti abbia rotto gli argini e abbia trascinato con sé persone che, fino a qualche tempo fa, i più ritenevano in grado di individuare senza eccessive difficoltà i limiti del buon senso e del decoro intellettuale.

Il ragionamento della Serracchiani non è solo abominevole da un punto di vista della cultura di sinistra, anzi: della cultura intesa come capacità di una comunità di vivere con rispetto e dignità. Ma è profondamente illogico. Come può una cosa essere “inaccettabile” se commessa da qualcuno e “ancora più inaccettabile” se commessa da qualcun altro? Per definizione, non esistono gradi di inaccettabilità, se qualcosa è inaccettabile lo è e basta, altrimenti l’inaccettabile diventa meno inaccettabile e alla fine lo si accetta.

Cosa vogliamo fare: chiedere il passaporto allo stupratore prima di giudicarlo? Vogliamo dire che la violenza da parte di un connazionale è brutta, ma se la commette uno straniero è peggiore? Vogliamo dire che se ti stupra un italiano, in fondo, non è poi così grave, magari ci si mette d’accordo, le famiglie si parlano e una soluzione si trova? Da lì a dire che l’italiano, in fondo, vuole solo divertirsi, il passo è breve. Da lì a dire che uno straniero non deve permettersi di “toccare le nostre donne” è un attimo.

Nel 2009, Debora Serracchiani fece un notevole discorso all’Assemblea dei Circoli del Pd. Venne giustamente notata dall’allora segretario Dario Franceschini e portata al vertice del Partito Democratico. Da allora, non si ricordano altri interventi memorabili. In compenso, si ricordano alcune gaffe e una grande abilità nel saltare da un carro all’altro. Se ci fosse ancora la Serracchiani del 2009 a quella di oggi, probabilmente, ne direbbe quattro.

Autore Originale del Testo: Lo spuntino

Nome della Fonte: Articolo 1 movimento democratico e progressista

URL della Fonte (link): https://articolo1mdp.it/cara-debora-ti-sentisse-la-serracchiani/

Tag:



Postato su NuovAtlantide per:


Torna Su ↑
  • Accedi

    Close
    *
    *
  • nuovAtlantide.org

    La community online per condividere la tua opinione.

    Il significato che vuole avere nuovAtlantide è di essere utile a chi vuole confrontarsi sui temi e problemi più vari, di promuovere il dibattito e conservare i contributi in un archivio accessibile a tutti, allo scopo di approfondire le questioni. Esprimeremo le nostre opinioni in modo chiaro, ma pensiamo che il dibattito deve essere libero, senza filo spinato e mine antiuomo.

    questo è il nostro motto:
    Disapprovo quello che dici, ma difenderò fino alla morte il tuo diritto a dirlo (Voltaire)

    Come iniziare:
    - Crea un account su nuovAtlantide.org
    - Inizia a postare articoli
    - Commenta gli articoli degli altri utenti

    Se gli articoli sono presi da altri siti web, ricordati sempre di scrivere autore e fonte.


  • Ecco le nostre Rubriche, clicca sul nome per accedere...
  • Alimentazione

  • Libri

  • Una Sera, una Poesia

  • Cesare Pavese

  • Riforme Costituzionali

  • Cambiare si può

  • Cose dall’Altro Mondo

  • Gli impubblicabili

  • TAV Terzo Valico

  • Racconti per l’Estate