Yanis Varoufakis: Le banche centrali sono terrorizzate: divise tra nervosismo inflazionistico e paura della deflazione

per mafalda conti
Autore originale del testo: Yanis Varoufakis
di Antonella Trocino
Yanis Varoufakis propone una democratizzazione della politica monetaria, che spezzi
il meccanismo di trasmissione che alimenta solo i circuiti finanziari, senza impatto sull’economia reale. “Questo denaro dovrebbe finanziare un reddito di base e la transizione verde (attraverso banche di investimento pubbliche come la Banca Mondiale e la Banca Europea degli Investimenti). E questa forma di QE non si rivelerà inflazionistica se il reddito della classe medio-alta e superiore sarà tassato più pesantemente, e se gli investimenti verdi inizieranno a produrre l’energia e i beni verdi di cui l’umanità ha bisogno.”

Una politica monetaria progressista è l’unica alternativa

Divisi tra nervosismo inflazionistico e paura della deflazione, i banchieri centrali delle principali economie avanzate stanno adottando un approccio attendista potenzialmente costoso. Solo un progressivo ripensamento dei loro strumenti e obiettivi può aiutarli a svolgere un ruolo post-pandemia socialmente utile.

 Mentre la pandemia di coronavirus si allontana nelle economie avanzate, le loro banche centrali assomigliano sempre più al proverbiale asino che, ugualmente affamato e assetato, soccombe sia alla fame che alla sete perché non può scegliere tra fieno e acqua. Divisi tra nervosismo inflazionistico e paura della deflazione, i politici stanno adottando un approccio attendista potenzialmente costoso. Solo un progressivo ripensamento dei loro strumenti e obiettivi può aiutarli a svolgere un ruolo post-pandemia socialmente utile.

I banchieri centrali una volta avevano un’unica leva politica: i tassi di interesse. Spingere verso il basso per rivitalizzare un’economia in difficoltà; spingere verso l’alto per frenare l’inflazione (spesso a scapito di innescare una recessione). Cronometrare queste mosse e decidere di quanto muovere la leva non è mai stato facile, ma almeno c’era solo una mossa da fare: spingere la leva in alto o in basso. Oggi il lavoro dei banchieri centrali è doppiamente complicato, perché dal 2009 hanno due leve da manipolare.

A seguito della crisi finanziaria globale del 2008, si è resa necessaria una seconda leva, perché quella originaria si è inceppata: nonostante fosse stata spinta al ribasso il più possibile, portando i tassi di interesse a zero e costringendoli spesso in territorio negativo, l’economia ha continuato a ristagnare . Prendendo spunto dalla Bank of Japan, le principali banche centrali (guidate dalla Federal Reserve statunitense e dalla Bank of England) hanno creato una seconda leva, nota come quantitative easing (QE). Spingerlo verso l’alto ha creato denaro per acquistare attività cartacee dalle banche commerciali nella speranza che le banche iniettassero il nuovo denaro direttamente nell’economia reale. Se appariva l’inflazione, tutto ciò che dovevano fare era abbassare la leva e ridurre gli acquisti di asset.

Questa era la teoria. Ora che l’inflazione è nell’aria, le banche centrali sono nervose. Dovrebbero inasprire la politica?

Se non lo fanno, possono aspettarsi l’ignominia subita dai loro predecessori degli anni ’70, che hanno permesso all’inflazione di radicarsi nella dinamica dei prezzi e dei salari. Ma se seguono il loro istinto e spostano le loro due leve, riducendo il QE e aumentando moderatamente i tassi di interesse, corrono il rischio di innescare due crisi contemporaneamente: un falò di posti di lavoro, poiché l’aumento dei tassi di interesse riduce la domanda aggregata e smorza gli investimenti e un crollo finanziario , come mercati e società, dipendenti dal denaro QE gratuito e troppo estesi, nel panico alla prospettiva del ritiro. Il “taper tantrum” del 2013 che si è verificato dopo che la Fed ha semplicemente suggerito di tenere a freno il QE, impallidisce al confronto.

Le banche centrali sono terrorizzate da questo scenario perché renderebbe inutili entrambe le loro leve. Sebbene i tassi di interesse sarebbero aumentati, ci sarebbe ancora poco spazio per ridurli. E sarebbero necessarie quantità politicamente proibitive di QE per rigonfiare i mercati finanziari sommersi. Quindi, i politici si siedono con le mani in mano, emulando lo sfortunato asino che non riusciva a capire quale delle sue due esigenze fosse più grave.

Ma, presupponendo che le due leve debbano essere mosse in sequenza e in tandem, l’enigma delle banche centrali presuppone un passato che non ha bisogno di essere ripetuto. Storicamente, certo, la seconda leva, il QE, è stata inventata solo dopo che la prima, i tassi di interesse, aveva smesso di funzionare. Ma perché dovremmo presumere che con l’inflazione in aumento di nuovo, la sequenza debba ora essere invertita eliminando prima il QE e poi alzando i tassi di interesse? Perché le due leve non possono essere mosse contemporaneamente e nella stessa direzione, implicando una politica monetaria su due fronti che rialzi i tassi di interesse e il QE (sebbene in una forma diversa)?

I tassi di interesse dovrebbero infatti essere aumentati. Per non dimenticare, anche in tempi di tassi di interesse ufficiali pari a zero, il 50% inferiore della distribuzione del reddito non è idoneo per il credito a basso costo e finisce per prendere in prestito a tassi usurari tramite prestiti personali, carte di credito e prestiti privati ​​non garantiti. Solo i ricchi beneficiano di tassi di interesse bassissimi. Per quanto riguarda i governi, mentre i bassi tassi di interesse ufficiali consentono loro di rinnovare il loro debito a buon mercato, i loro vincoli fiscali sembrano impossibili da allentare, tanto che mancano costantemente gli investimenti pubblici. Per questi due motivi, 13 anni di tassi di interesse ultra bassi hanno contribuito a una massiccia disuguaglianza.

Questa crescente disuguaglianza ha aumentato l’eccesso di risparmio, poiché gli ultra-ricchi hanno difficoltà a spendere la loro scorta montana. Poiché i crescenti risparmi rappresentano l’offerta di denaro, mentre i piccoli investimenti ne rappresentano la domanda, il risultato è una pressione al ribasso sul prezzo del denaro, che mantiene i tassi di interesse bloccati al loro limite inferiore dello zero. Le banche centrali devono quindi trovare il coraggio di alzare i tassi di interesse per spezzare questo circolo vizioso di insopportabile disuguaglianza e stagnazione inutile.

Naturalmente, le banche centrali temono che l’aumento dei tassi di interesse faccia fallire i governi e provochi una grave recessione. Ecco perché l’aumento dei tassi di interesse dovrebbe essere sostenuto da due mosse politiche cruciali.

Primo, poiché una seria ristrutturazione del debito pubblico e privato è inevitabile, le banche centrali dovrebbero smettere di cercare di evitarla. Mantenere i tassi di interesse sotto lo zero per estendere nel futuro il fallimento di entità insolventi (come gli stati greco e italiano e un gran numero di aziende zombi), come stanno facendo attualmente la Banca centrale europea e la Fed, è una scommessa pazzesca. Invece, ristrutturiamo i debiti non pagabili e aumentiamo i tassi di interesse per prevenire la creazione di altri debiti non pagabili.

In secondo luogo, invece di porre fine al QE, il denaro che produce dovrebbe essere sottratto alle banche commerciali e ai loro clienti aziendali (che hanno speso la maggior parte del denaro in riacquisti di azioni). Questo denaro dovrebbe finanziare un reddito di base e la transizione verde (tramite banche di investimento pubbliche come la Banca mondiale e la Banca europea per gli investimenti). E questa forma di QE non si dimostrerà inflazionistica se il reddito di base della classe medio-alta e superiore viene tassato più pesantemente e se gli investimenti verdi iniziano a produrre l’energia ei beni verdi di cui l’umanità ha bisogno.

Le banche centrali non sono costrette a scegliere tra paralisi e contrazione. Una politica monetaria progressista alzerebbe i tassi di interesse, investendo il frutto dell’albero del denaro nell’azione per il clima e riducendo le disuguaglianze. Se aiuta a vendere la politica, chiamatela “inasprimento monetario sostenibile”.

Babelezon bookstore leggi che ti passa

Articoli correlati

1 commento

claudio bellavita 6 Novembre 2021 - 12:33

bisognerebbe anche valutare l’incidenza della politica di acquisto delle proprie azioni per tenerne alte le quotazioni, come avviene soprattutto in USA dove in molte società la remunerazione dei massimi dirigenti è anche legata al corso delle azioni. Politica che ha un effetto moltiplicatore sia al rialzo che al ribasso determinato da cause economiche generali e non aziendali,e che secondo me dovrebbe essere vietata

Rispondi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.